Dillo con un libro
Rubrica mensile a cura della Mediateca Montanari – Memo in collaborazione con i Servizi Educativi del Comune di Fano

"Le storie, diceva Lewis Carroll, l'autore di Alice nel Paese delle Meraviglie, sono doni d'amore. E come tutti i doni di questo tipo funzionano in due direzioni. Arricchiscono chi li fa più ancora di chi li riceve. Proprio come in quelle magiche situazioni delle fiabe che ci leggevano quando eravamo piccoli, questi doni scaturiscono da una fonte segreta che una volta scoperta e attivata non si esaurisce mai e anzi, col passar del tempo diventa più ricca, attinge a parti più profonde e meno contaminate, ci sorprende con la sua varietà e bellezza, ci rende migliori. "

- Rita Valentino Merletti -
Scrittrice e ricercatrice

Dillo con un libro


Rubrica quindicinale a cura della Mediateca Montanari – Memo in collaborazione con i Servizi Educativi del Comune di Fano.

Leggere ad alta voce ai propri bambini è un atto d'amore e quando questo gesto diventa una pratica quotidiana è l'investimento più importante che i genitori possano fare per il futuro dei propri figli. Grazie a programmi come "Nati per Leggere" si conoscono sempre meglio i molti benefici che la lettura ad alta voce procura dal punto di vista neuroscientifico e relazionale. Chi promuove la lettura in servizi come la scuola e le biblioteche pubbliche sa che è fondamentale raggiungere con questo messaggio più genitori possibile per dire loro che la lettura ad alta voce è tempo di qualità dedicato ai loro bambini e un momento di benessere condiviso: i libri sono i ponti che riescono a connettere adulti e bambini su un terreno comune arricchendolo di stimoli e sentimenti. I libri sono enormi risorse di relazioni, sono i custodi delle storie che hanno il potere di mettere nelle condizioni chi li condivide di vivere infiniti destini, provare insieme nuove esperienze ed emozioni. Le storie offono ai genitori l'opportunità di moltiplicare le occasioni di confronto con i loro bambini sollecitando tante e tante curiosità. Perchè è questo che sanno fare i buoni libri (per i piccoli e per i grandi): sanno suscitare domande, stupire, mostrare il mondo da prospettive insolite e proporre nuovi punti di partenza. E poi i libri danno le parole... e sappiamo quante queste siano importanti, addirittura capaci di cambiare il destino delle persone. Perchè avere tante parole vuol dire sentirsi di più una persona, vuol dire essere capaci di comprendere e farsi comprendere. Perciò parlate con i vostri bambini, fatelo anche usando i libri e le storie, perchè mentre costruite il loro futuro, vi state occupando di loro e gli state dicendo che gli volete bene.



La Mediateca Montanari – Memo

è una biblioteca pubblica che offre servizi dedicati a tutti. Ha inaugurato il 10 luglio 2010 andando ad affiancare in città la Biblioteca Federiciana: insieme costituiscono il Sistema Bibliotecario del Comune di Fano. La Memo è situata nel cuore della città, al centro di piazza Amiani, ha un'estensione di 1600 mq di cui 200 mq dedicati alle famiglie con bambini e ragazzi ed ha anche un giardino riservato. La Memo offre libri, fumetti, dvd di film e animazione, cd audio, videogiochi e postazioni internet. Si può entrare liberamente per ascoltare musica, sfogliare riviste, incontrarsi con gli amici, leggere libri, usare la postazione di videogiochi, fare i compiti, cercare risposte alle proprie curiosità oppure per fare uno spuntino al MemoCaffè. La Memo organizza anche numerose attività con le quali promuove i servizi e le sue collezioni, ma questi appuntamenti vogliono anche far incontrare tante persone che hanno gli stessi interessi, perchè uno dei nostri nuovi obiettivi è quello di creare e fare comunità.


L'Ufficio di Coordinamento Dei Servizi Educativi

svolge un ruolo fondamentale per la qualificazione e l’integrazione dei Servizi Educativi 0-6 del comune di Fano, coordinando la gestione di nidi e scuole dell’infanzia comunali e mantenendo saldi rapporti con Enti Pubblici ed organizzazioni che trattino i temi legati al lavoro con l'infanzia. L'ufficio di Coordinamento si occupa anche di sostenere e favorire progetti di continuità orizzontali, con il territorio,di continuità verticale, fra diversi ordini di scuola, ed ha il compito di individuare percorsi formativi adeguati alle esigenze emerse nelle scuole.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER